Barbara M.
Barbara M.

to contact:
baby.mil@libero.it
- CONCERTO DI GIORGIA -

(SABATO 13 DICEMBRE 2003 - PADOVA - PALAZZETTO DELLO SPORT S.LAZZARO)

Giorgia a Padova…..si, proprio lei, la Giorgia di "E poi", una delle stelle della musica leggera italiana ….Giorgia dunque, live più che mai, con un grande repertorio e a sorpresa di chi come me era là, un grande spettacolo di luci e di colori, di immagini e di massime che scorrevano dietro a questa artista romana che si è fatta spazio tra i singers di fama mondiale….Giorgia, appunto. Vestitino corto tutto colorato, stivaloni e cappello….questa la Giorgia d'esordio di un concerto che si è rivelato fantastico, una comunicabilità incredibile, una trasmissione di emozioni da professionista, raffinata, bella, seducente e con mio incredibile stupore, una donna di gran fascino e femminilità, per la quale avevo sempre ignorato in lei, forse dettato dalla sua minuta fisicità e formosità ….ma credetemi ha lasciato tutti e dico tutti stupefatti dal suo modo discreto e dolce di interagire con noi pubblico attento e ordinato, avido di sentirla cantare, di cogliere le emozioni più particolari, di vivere assieme a lei momenti di intensa malinconia e di riflessione e subito sentire come la forza e la voglia di risalire e di ritornare in auge possa nascere ed espandersi con una canzone, con le sole note della sua voce così forte, così "ballerina"…..si diceva che poteva e può fare quello che vuole con quella voce, la padronanza di salire e scendere vocalmente lasciava noi tutti esterefatti, per alcuni momenti incantati ed imbambolati dalla meraviglia che avevamo davanti…ripeto: questa donnina romana che proprio quella sera assaggiava per la prima volta uno spritz aperol prettamente patavino e apprezzava noi padovani, lì con gl'occhi all'in su per ammirarla. Un mazzo di girasoli, lettere, promo di alcuni gruppi che volevano farsi conoscere a lei come loro fans, e applausi…..quanti applausi, da far male alle mani ma lo stesso si voleva, in questo modo, dare all'artista il nostro più genuino consenso del suo lavoro… Potrei scrivere mille e più righe su di lei, è talmente facile e spontaneo apprezzarla e, per certi aspetti, amarla per la sua umanità e la sua semplicità e scusate se sono ripetitiva ma come pochi mi sento di spezzare una lancia a suo favore per la sua facilità nel parlare alla gente, nel far distinguere i suoi stati d'animo e portare l'ascoltatore ad identificarsi nei suoi testi e nelle sue melodie…… Mi è piaciuto, si capisce, vero? D'altronde ho assistito ad uno spettacolo dove una mia simile è riuscita a scavarmi dentro, mi ha colpita in tutti sensi e ho portato nel mio cuore molto di quella Giorgia che mi ha commosso e rubato qualche lacrima, di malinconia e di gioia……